Seguici:

QUINTANA 2015

La Quintana è arrivata alla sua XV edizione, quest’anno sostenuta dall’Unione Europea con un finanziamento che ne testimonia la notevole risonanza storico-culturale conquistata negli anni.
Sin dal 1990 il paese si trasforma in un borgo medievale dove incontrare personaggi di un tempo perduto che offrono ai visitatori un emozionante tuffo nel passato.
Il gruppo storico “Quintana di Melizzano”, i “Bandierai degli Uffizi” di Firenze e il “Gruppo storico de lo Certame” di Popoli animano un grande corteo storico che fa scendere in piazza nobili e popolani in rappresentanza delle cinque contrade del paese: Spiga, Tiglio, Gallo, Torre e Fiore.
Tamburini, arcieri e vessilliferi sfilano per offrire una suggestiva scenografia ai volteggi dei vessilli degli sbandieratori, mentre gli alabardieri coinvolgono gli spettatori con la loro marcia coreografica.
Lungo il corteo l’eleganza delle dame in bellissimi abiti d’epoca distrae i cavalieri armati di spade, intenti in un avvincente duello che rende lo scenario particolarmente toccante.
La sfilata storica apre la scena al Palio della Quintana, cuore della manifestazione in cui le 5 contrade di Melizzano si fronteggiano con i propri combattenti armati di lancia che corrono a cavallo puntando contro una sagoma rappresentante un Saraceno con l’obiettivo di infilare un anello che si restringe ad ogni passaggio.
Quest’anno il programma della manifestazione si arricchisce di eventi da non perdere: la mostra fotografica dedicata alla Quintana nella tradizione melizzanese, il museo della civiltà contadina e i concerti di musica popolare sono solo alcuni degli appuntamenti da segnare in agenda.

La manifestazione è anche l’occasione per una visita guidata al Castello medievale Caracciolo D’Aquara e per la scoperta delle bontà enogastronomiche del territorio offerte nelle “taverne” allestite nelle vie del centro storico per l’intera durata dell’evento. Per i più piccoli, il divertimento è assicurato dai burattini protagonisti di una Quintana appositamente pensata e messa in scena per loro dai fratelli Ferraiolo.

Torna all'inizio dei contenuti